Pubblicato in: compagnie, residenze

Spettacoli d’apertura_OPERA

Sabato 19 gennaio alle ore 21.30 al Teatro dei Segni di Modena si apre la stagione delle Residenze

OPERA -  ph. Martina Lanini
OPERA – ph. Martina Lanini

Si comincia con lo spettacolo Opera dell’omonimo Gruppo teatrale, coi suoi “numeri” e le sue visioni che fondono teatro, pittura, scultura, e tutte le arti che intendono, sapendo di fallire, modificare o reinventare il mondo.

Opera
cura della visione e regia Vincenzo Schino
con Marta Bichisao, Riccardo Capozza, Gaetano Liberti, Vincenzo Schino

INGRESSO 8 €
La biglietteria sarà aperta dalle ore 18.00 al Teatro dei Segni
(via san Giovanni Bosco, 150 – Modena)

Sullo spettacolo

Opera è un lavoro che si pone il problema della rappresentazione e del senso di stare su un palcoscenico.
Abbiamo lavorato in modo radicale sull’imbarazzo dello sguardo.
Abbiamo lavorato sulla vergogna e sulla commozione.

Opera è un errore, una baracca di burattini montata male che da un momento all’altro potrebbe crollare. 

E ne è consapevole.
Come fantasmi, appaiono personaggi recuperati dalla tradizione e dal luogo comune del teatro e dell’arte, figure universali e inequivocabili. Uno per tutti, il clown.
Il clown, come arlecchino, fa da traghettatore in luoghi dichiaratamente artificiali: la pista del circo, il boccascena di un teatro, il diaframma di uno sguardo. Attraverso queste porte, toglie gradualmente i punti d’appoggio della logica.
Il clown, come diceva Fellini, “È un bambino in potenza.
Il clown rappresenta nel modo più efficace, commovente e comico una creatura che si trova in un mondo immenso e sconosciuto”.

Il clown contiene nella sua forma le anime di tutti coloro che non possono fare a meno di esporsi, al ridicolo.
Il buffone, il saltimbanco, il fool, in una parola: l’artista.
Perché lo fanno? Cosa li costringe? Questa domanda, a cui non c’ è risposta, ha fatto da perno.
La struttura drammaturgica del lavoro si nutre del concetto del “numero”, della performance che non racconta mai nulla, ma è fine a se stessa.
Inizia e finisce. Poi l’applauso e la paga.

Si è cercato di sfruttare proprio il mancato funzionamento dei numeri, abbandonandosi alla violenza dello sguardo.
Un macello in un circo e viceversa.

altra scena tratta dallo spettacolo OPERA - ph. Martina Lanini
altra scena tratta dallo spettacolo OPERA – ph. Martina Lanini

Dopo lo spettacolo di sabato 19 gennaio la compagnia lavorerà al Teatro dei Segni al suo prossimo progetto del quale presenterà uno studio sabato 26 gennaio. STAY TUNED!

[Galleria Fotografica]

> www.operaweb.net
> Pagina Facebook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...